Luci, presepi, essenze di Natale: insieme

Due occasioni speciali pensate per voi, per vivere insieme la magica atmosfera delle feste e che si concluderanno con momenti unici

I Presepi dei Quattro Fiumi – I Presepi di Fontana di Trevi

Presepi

Tour pomeridiani: entrambi alle ore 16:00

PRENOTA ALLO 3441443603

I Presepi dei Quattro Fiumi – € 12,50

PUNTO D’INCONTRO Sabato 16 Dicembre 2017 – Appuntamento di fronte la chiesa di S. Agnese in Agone
DURATA  Turno: dalle 15:30 alle 17:30
LA QUOTA INCLUDE
Visita guidata Auricolari Wifi
 Bevanda calda presso “Baronato Quattro Bellezze”
LA QUOTA ESCLUDE
Extra

Tre grandi e maestose chiese, tre monumenti di Roma che accolgono opere d’arte di immenso valore. Saranno loro le compagne di questo pomeriggio insieme,  tra vicoli e scorci di una Roma dal sapore natalizio.

Presepi

Guidati dall’imponenza della magnifica Fontana dei Quattro Fiumi, capolavoro del Bernini, scopriremo opere d’arte frutto di sapienti mani di artigiani presepisti, e  giungeremo nella piazza simbolo del Natale romano. Proprio piazza Navona con i suoi mercatini e le sue luci farà da sfondo alla conclusione della nostra bellissima passeggiata.

 

I Presepi di Fontana di Trevi – € 9,50

PUNTO D’INCONTRO Domenica 17 Dicembre 2017 – Appuntamento in piazza Mignanelli, 22
DURATA  Turno: dalle 15:15 alle 17:15
LA QUOTA INCLUDE
Visita guidata Auricolari Wifi
Concerto di Natale gratuito presso S. Maria in Via
LA QUOTA ESCLUDE
Extra

Immaginate la maestosa Fontana di Trevi unitamente allo scintillio del Natale romano. Nella calda atmosfera natalizia, lasciandoci alle spalle il solenne scrosciare dell’acqua del Fontanone, scopriremo una Roma vestita di luci mentre le sue chiese si trasformano in scrigni di Presepipreziosi Presepi, nascosti tra angoli di eccezionale splendore.

Sarà una passeggiata unica nel cuore del Rione Trevi, durante la quale ci lasceremo trasportare dall’aria di magia che solo questo periodo dell’anno sa regalarci, per poi concludere con l’incanto di un bellissimo concerto di Natale.

 

*Gli orari e i luoghi d’appuntamento sono soggetti a variazioni.

 

 

Condivi e aiutaci a crescere

Ricordiamo che è sempre opportuno chiamare per conferma.

Il tour può essere soggetto a variazioni 

Sabato 16 Dicembre ci incontreremo alle ore 15.30 davanti alla chiesa di S. Agnese in Agone, Piazza Navona.

Domenica 17 Dicembre ci incontreremo alle ore 15:15 davanti palazzo Valentino, in piazza Mignanelli, 22

Primo appuntamento:

Secondo appuntamento:

Condivi e aiutaci a crescere
1

Sant'Agostino

Chiesa simbolo dell’architettura rinascimentale a Roma, S. Agostino viene realizzata, così come la possiamo ammirare oggi, nel 1483. Al suo interno sono conservati alcuni capolavori dal valore immenso, tra cui un affresco di Raffaello raffigurante il profeta Isaia  sotto il quale trova la sua posizione la statua di Andrea Sansovino con S. Anna che abbraccia la Vergine e il Bambino, fulcro di una curiosa tradizione poiché nel giorno di S. Anna tutti i poeti di Roma appendevano sulla statua i propri componimenti poetici, gelosamente custoditi dalla chiesa ancora oggi. Tra queste mura viene infine conservata una delle opere più famose del Caravaggio, la Madonna dei Pellegrini, un capolavoro di luci e ombre, dolcezza e realtà, che al momento della sua esposizione divenne il fulcro di numerose critiche.
2

San Salvatore in Lauro

Dal ‘600 è proprietà del Pio Sodalizio dei Piceni che la intitolarono alla Madonna di Loreto, nonostante questo i romani hanno sempre continuato a chiamarla con il suo antico nome: S. Salvatore in Lauro; un’intitolazione curiosa che probabilmente trae orgine dalla presenza, nelle sue vicinanze, di un boschetto di lauro cresciuto lungo le sponde del Tevere. Oltre ad essere stata realizzata per mano di importanti architetti e a conservare opere di notevole valore artistico, S. Salvatore in Lauro è spesso ricordata nel mondo dell’arte perché al suo interno era consuetudine allestire esposizioni libere dei quadri realizzati da artisti appena giunti a Roma.
3

Sant'Agnese in Agone

Capolavoro del Barocco romano, questa chiesa sorge lungo il fianco di piazza Navona mostrandosi ai passanti in tutta la sua maestosità. La bellissima facciata concava realizzata dal Borromini è solo un momento della lunga storia di costruzione della chiesa. Questa viene fatta risalire, secondo tradizione, al martirio della giovane S. Agnese, avvenuto nel 304 d. C. all’interno dello Stadio di Domiziano, di cui la piazza ricalca la forma. Protagonista dell’intera struttura è sicuramente la cupola, sulla cui superficie prende vita l’affresco con la Gloria della Santa introdotta in Paradiso. Splendida è anche la statua raffigurante S. Sebastiano, nell’omonima cappella, realizzata dallo scultore Pietro Paolo Campi.
4

Sant'Andrea delle Fratte

Questa chiesa, le cui origini risalgono all’anno Mille, si presenta a noi oggi nelle sue sfavillanti vesti barocche con decorazioni frutto del lavoro di importanti artisti del Seicento e del Settecento. Simbolo di arte e originalità è il suo campanile, realizzato dalla geniale mente di Francesco Borromini nel 1659, che si slancia verso il cielo in un contrasto cromatico di materiali. Dalla base quadrata si alzano quattro ordini di assoluta libertà creativa, culminanti da volute che sorreggono una corona metallica a punta. Un capolavoro tutto da ammirare!
5

Santa Maria in Trivio

Antico ospizio per accogliere pellegrini e infermi, questa struttura venne trasformata in chiesa nell’XI secolo e prese la sua curiosa denominazione, in Trivio, poiché si trovava all’incrocio di tre strade. Da questo nome derivò, con il tempo, anche quello dello stesso Rione in cui la chiesa si trova, il Rione Trevi appunto. Di notevole valore sono le decorazioni che la arricchiscono al suo interno, tra cui una prezionsa tavola del Quattrocento, raffigurante una Madonna con il Bambino e posizionata entro una splendida raggiera dorata, donata dal Capitolo Vaticano a fine Seicento.
6

Santa Maria in Via

Alle spalle di Via del Corso, da cui prende il nome, sorge questa piccola chiesa con la sua splendida facciata barocca. Nel 1256, dove ora sorge la chiesa vi era solo una piccola stalla, annessa ad un palazzo cardinalizio, con al suo interno un normale pozzo da cui attingere l’acqua. Una sera, un domestico fece incidentalmente cadere nel pozzo un’immagine sacra della Vergine, dipinta su una pesante pietra. In quel momento la superficie dell’acqua iniziò a sollevarsi fino a traboccare e su di essa, la preziosa icona galleggiava miracolosamente. In seguito a questo evento il cardinale ordinò la costruzione della chiesa e, sotto l’altare che custodisce l’immagine della Vergine, è presente un rubinetto da cui esce l’acqua del pozzo ritenuta miracolosa, tanto che ancora oggi molti fedeli accorrono per abbeverarsene!
Condivi e aiutaci a crescere

Per prenotare o per disdire

contattare Sofia al: 34414436035302_-_whatsapp-128

 Si prega di confermare o disdire entro le ore 12:00 della stessa data.
Condivi e aiutaci a crescere

Tour Reviews

There are no reviews yet.

Leave a Review

Rating